Vai al contenuto principale
BlogArchiviazioneCasi d'uso del cloud Object Storage

Casi d'uso del cloud Object Storage

Casi d'uso del cloud Object Storage

La maggior parte degli utenti immagina l'archiviazione dei file come una gerarchia di directory e file, ma la visione dietro le quinte è un po' più complicata.

I dispositivi di archiviazione convenzionali memorizzano i dati sul disco utilizzando un formato chiamato archiviazione a blocchi. Un dispositivo di archiviazione a blocchi suddivide i dati in blocchi di dimensioni fisse e li ripone ovunque. Quando i dati vengono richiesti, il sistema riassembla i pezzi per ripristinare i dati nella loro forma originale.

Per i dischi rigidi e altri supporti di memorizzazione convenzionali, l'archiviazione a blocchi è un approccio efficiente. I sistemi tendono comunque a leggere e scrivere in blocchi di dati di dimensioni fisse, quindi la memorizzazione dei dati in blocchi ha senso.

Tuttavia, il modello di archiviazione a blocchi presenta anche alcuni svantaggi. Ad esempio, ci vuole tempo per suddividere i dati in blocchi e rimetterli insieme. Inoltre, i mezzi per tracciare e gestire le posizioni di tutti i blocchi sul disco diventano meno efficienti man mano che le dimensioni del disco crescono fino a raggiungere gli archivi di dati molto grandi utilizzati nei servizi cloud e nei data center locali. Di conseguenza, l'archiviazione a blocchi è ancora utile per alcune esigenze di archiviazione, ma gli scenari moderni potrebbero richiedere un approccio diverso.

S3-L' archiviazione a oggetti compatibile è un'opzione alternativa utilizzata in molti ambienti di cloud storage. Nell'archiviazione a oggetti, un file non viene suddiviso in blocchi, ma viene memorizzato come un singolo oggetto. La posizione dell'oggetto è ottenuta tramite un identificatore o una funzione hash, che elimina la necessità di una complessa struttura gerarchica. Queste caratteristiche uniche dell'archiviazione a oggetti consentono di scalare in modo più uniforme verso set di dati molto grandi.

Le soluzioni di storage a oggetti sono in genere dotate di funzioni di tolleranza agli errori e di autogestione. L'obiettivo è che i dettagli del processo di archiviazione rimangano nascosti all'utente. Il sistema operativo salva un file e l'infrastruttura di archiviazione sottostante ne gestisce i dettagli.

Per un'analisi reale dello storage a oggetti come parte di un'infrastruttura cloud più ampia, date un'occhiata al nostro documento "Come impostare un registro Docker privato con Linode Kubernetes Engine e Object Storage".

Lo storage a oggetti non è adatto a tutti i carichi di lavoro, ma si sta diffondendo in un numero crescente di applicazioni di storage su larga scala e in vari casi d'uso dello storage a oggetti nel cloud. Le soluzioni di archiviazione a oggetti spesso fungono da backend per siti web e piattaforme di social media, gestendo in modo efficiente dati non strutturati che possono includere immagini fotografiche, video, file di testo e documenti HTML. 

L'archiviazione a oggetti è ideale anche per alcuni carichi di lavoro HPC e AI ed è una buona scelta per tutte le situazioni in cui i dati vengono archiviati una volta sola e non vengono consultati di frequente, come ad esempio i backup, i dump dei database e i file di log. Poiché è facilmente scalabile su file e set di dati di grandi dimensioni, lo storage a oggetti viene talvolta utilizzato per archiviare raccolte di file come video, modelli ingegneristici, dati scientifici e altri casi d'uso dello storage a oggetti nel cloud. Il basso costo e l'efficienza amministrativa dello storage a oggetti lo rendono una buona scelta per lo storage che non richiede bassa latenza o accessi frequenti.


All'inizio dell'anno abbiamo pubblicato un ebook su come ottenere il massimo valore dallo storage di oggetti nel cloud. È possibile scaricare qui "S3- Casi d'uso compatibili con Object Storage ".


Commenti

Lascia una risposta

Il vostro indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *