Vai al contenuto principale
BlogSpiegare i principi della fiducia nel cloud

Spiegare i principi della fiducia nel cloud

Blog Unclouded | Linode

Quando si sceglie un provider cloud, la maggior parte delle aziende opta per quello (o due) di cui si fida per portare a termine il lavoro. Ma cosa significa "fidarsi" veramente di un provider cloud?  

Storicamente, la fiducia si riferisce a qualità come il tempo di attività e l'affidabilità. Ma il modo in cui le persone pensano alla fiducia sta cambiando. Le caratteristiche principali del cloud stanno diventando sempre più comuni. I fornitori, dai più grandi hyperscaler come Amazon e Microsoft, ai cloud alternativi come Linode e DigitalOcean, ora offrono capacità comparabili per i prodotti e i servizi di cui i clienti hanno bisogno (e alcuni operatori più piccoli offrono persino prestazioni migliori rispetto ai grandi fornitori di cloud). Le vecchie misure di fiducia che un tempo differenziavano i fornitori sono ora la linea di base.

Dal sapere cosa aspettarsi da una fattura mensile, all'ottenere un'assistenza e un'attenzione di qualità, fino alla salvaguardia di un'azienda da interessi concorrenti, i fornitori stanno ampliando la portata e la definizione di fiducia. Il risultato? Le aziende hanno a disposizione opzioni alternative che non solo soddisfano le loro esigenze di cloud, ma sono anche in linea con i loro valori. 

Di recente ho parlato di questo argomento con Phil Shih, analista di Structure Research. Ascoltate qui di seguito come si possono analizzare i vari livelli di fiducia nel cloud e discutere della sua crescente importanza. 

La seguente trascrizione è stata leggermente modificata.

Mike Maney: Quando gli operatori del settore parlano di fiducia nei confronti di un fornitore di cloud, spesso intendono una cosa: i tempi di attività. Ma c'è molto di più, dal sapere esattamente cosa aspettarsi quando si tratta di costi, al poter contare sul fornitore per l'assistenza, al sapere che il fornitore non farà concorrenza diretta alla vostra azienda. Oggi gli elementi della fiducia nel cloud sono molteplici e li analizzeremo con l'analista di ricerche strutturate Phil Shih. 

Phil, sono lieto di averti con noi oggi. 

Phil Shih: Ciao, sono contento di essermi collegato virtualmente. 

Mike Maney: La pandemia ha determinato una crescita massiccia del cloud. E con la crescita è arrivata anche un'analisi più approfondita, visto che le previsioni di alcuni analisti potrebbero non essere state azzeccate, ma tutti guardano a Gartner per quanto riguarda le cose su larga scala, secondo cui il mercato del cloud crescerà in modo esponenziale nei prossimi anni fino a raggiungere qualcosa come 365 miliardi di dollari entro il 2022, credo l'anno prossimo. L'84% dei proprietari di piccole imprese dichiara che i servizi cloud sono essenziali per la gestione della propria attività. E il 74% afferma che la propria attività principale non funzionerebbe senza il cloud. 

Questo pone un paio di domande, e questa sarà la parte più divertente della conversazione di oggi: perché gli utenti sono sempre più selettivi nei confronti dei loro partner cloud?

Phil Shih: Penso che, fondamentalmente, queste proiezioni parlino di tendenze più ampie che sono in movimento e stanno accelerando. Ma credo che il motivo per cui le persone, gli utenti finali, soprattutto a livello di PMI, stiano diventando più selettivi sia perché, fondamentalmente, stanno gestendo online un numero maggiore di attività critiche, giusto. Quindi si affidano all'infrastruttura Internet e ai servizi di infrastruttura cloud per gestire la propria attività, per generare entrate e per pagare le bollette, per pagare i dipendenti e per pagare le bollette. 

E così la criticità ha raggiunto un livello tale per cui, wow, le persone guardano e dicono: "Ehi, questo è qualcosa su cui faccio affidamento". E probabilmente dovrei conoscerlo meglio, fare più domande. E assicurarsi che quello che sto facendo, che è molto diverso da qualsiasi altro tipo di servizio aziendale, possa avere molti almeno che non sono nati in un ambiente cloud, le loro aziende possono aver avuto a che fare con altri tipi di servizi che erano molto più diciamo interattivi al telefono di persona. 

E tradurlo in un mezzo virtuale è probabilmente un passo giusto e corretto. E credo che le persone stiano diventando un po' più selettive perché ci fanno affidamento, si rendono conto di quanto sia in gioco la loro attività e, francamente, la loro salute in questo tipo di ambiente. Ecco perché si pongono la domanda e perché sono più selettivi. Credo che

Mike Maney: Ha parlato di PMI, perché si tratta di un mercato così importante. Spesso, quando si parla di cloud, si parla sempre delle imprese più grandi in assoluto e dei casi d'uso più importanti per gli utenti del cloud. E proprio come abbiamo visto con l'avvento del web, gran parte della crescita avviene nelle piccole e medie imprese, nelle aziende di Main Street, nelle persone che non sanno o non operano necessariamente a livello di grandi aziende. 

C'è qualcosa che stanno cercando o considerando ora che non hanno fatto in passato? Giusto? Quindi sappiamo che il cloud è assolutamente fondamentale per loro? Giusto? Abbiamo fatto un salto di qualità, giusto? Abbiamo superato la questione "cloud o non cloud"? E che tipo di considerazioni stanno facendo ora? Cosa è cambiato? 

Phil Shih: Credo che molti utenti finali siano alla ricerca di maggiore trasparenza a un livello molto alto. Vogliono sapere come funziona il servizio, vogliono sapere quando possono rivolgersi al fornitore di servizi, come possono interagire con quest'ultimo e in che misura può aiutarli a risolvere i loro problemi, siano essi legati al loro sito web, all'applicazione, all'ecommerce, al negozio. 

E credo che questo sia uno degli aspetti più importanti: ciò che sta cambiando è che le persone non si limitano a rispondere. Penso che i servizi cloud siano stati generalmente un rapporto di assistenza clienti di tipo reattivo e di rottura. Gran parte del lavoro pesante viene fatto all'inizio, quando il sito web è attivo e funzionante. Tutto va bene e non si chiama il fornitore fino a quando qualcosa non va storto o non si ha una domanda davvero complessa. O fino a quando internet non si blocca. Ma credo che non sia così che funziona. 

Di recente, non è questo che i nostri clienti pensano del loro provider. Sì, questo è, ovviamente, il nucleo centrale del servizio. E sanno che possono ancora fare affidamento sul loro provider per cose del genere. Ma oggi si pongono anche più domande su come ottimizzare l'infrastruttura, su quali altre cose possono fare online e, francamente, su domande più orientate al business, non solo sull'infrastruttura cloud, perché credo che i confini siano sempre più sfumati e sempre più intrecciati. Se vendete servizi o prenotate clienti attraverso il vostro sito web, la vostra applicazione online, la vostra applicazione mobile. 

Quindi, sì, credo che la portata delle domande e la natura non sia così reattiva, ma un po' più proattiva, un po' più di interazione di tipo consulenziale. E credo che questo stia cambiando il modo in cui i fornitori di servizi trattano con i loro clienti e, a sua volta, il modo in cui i clienti finiscono per scegliere i loro fornitori di servizi, se vogliono questo tipo di relazione. Sai, cercheranno, cercheranno di trovarlo. E l'aspetto sorprendente dei servizi di infrastruttura cloud è che ogni fornitore è diverso nel modo in cui serve i clienti e nel modo in cui interagisce con loro. E credo che questo stia diventando sempre più chiaro, e i clienti sono abbastanza intelligenti da capirlo. E sceglieranno le ultime domande per poi scegliere e selezionare di conseguenza.

Mike Maney: Il presupposto è che si è sempre trattato di infrastrutture, lontane dagli occhi, lontane dal cuore. E non lo è più, è diventata così critica. E così integrata non solo nella parte tecnologica di un'azienda, ma anche nella parte commerciale di un'azienda. E come persona cresciuta nella nuova area di New York City, per citare il grande Billy Joel, si tratta di una questione di fiducia. 

In molti casi, che non sono mai stati oggetto di grande attenzione, e stiamo iniziando a vedere che le persone iniziano a parlarne, ho visto alcune statistiche che dicono che circa il 60% degli sviluppatori afferma che la fiducia ha avuto un impatto sulla loro preferenza per i fornitori più piccoli. 

E poi qualcosa come il 71%, non ricordo quale, dice che ha avuto un impatto sulla loro preferenza per i tre grandi fornitori, di cui ho perso le tracce, qualcuno ha appena pubblicato uno studio che dice che Microsoft è attualmente considerato il fornitore più affidabile, nonostante abbia una quota di mercato leggermente inferiore. Quindi, sapendo che il cloud e l'infrastruttura si sono intrecciati così tanto all'interno di un'azienda e che la fiducia entra in gioco nella scelta della persona con cui si lavora, è giusto. E credo che questo valga per noi esseri umani in generale, ma che diventi ancora più importante in un ambiente aziendale. 

Che cosa significa fiducia quando si tratta di un fornitore di cloud? Giusto? È come si è evoluta questa definizione? O cosa vedete quando parlate con altre aziende che sono là fuori nella comunità di ricerca sulle infrastrutture? 

Phil Shih: La fiducia, in generale, è diventata più sfaccettata, giusto. Ho appena descritto lo scenario in cui i clienti interagiscono con il loro fornitore in modo più proattivo, piuttosto che reattivo. Non si tratta di una situazione di tipo infrastrutturale, fuori dalla mente, in un sito. È più che altro che l'utente finale passa più tempo a interagire con il servizio, a utilizzare il servizio, ad aggiornare il servizio, a fare domande sul servizio. Quindi c'è un numero maggiore di punti di interazione e una maggiore criticità del servizio. 

Sono solo altre aree in cui i fornitori devono non solo fornire un buon servizio, ma anche creare fiducia. Se si ha un rapporto di natura più consultiva e di consulenza, deve esserci un livello di fiducia tra il fornitore e il cliente, il quale non si fida se il fornitore raccomanda o suggerisce una linea d'azione e questa linea d'azione produce un risultato positivo. 

C'è un livello di fiducia se questo risultato non si limita a generare ricavi, ma sale di livello. L'utente finale vedrà l'autore del servizio non solo come un fornitore di infrastrutture, ma come un facilitatore della sua attività. E questo è un valore che credo si possa tradurre anche in fiducia, perché i fornitori di servizi hanno dimostrato di essere esperti in ciò che fanno e di poter consigliare una linea d'azione che, di nuovo, si traduce in un risultato positivo? 

Penso davvero che questo si estenda ad altre aree, che possiamo approfondire, ma solo per citarne un'altra: il costo. Abbiamo parlato di molti clienti nei primi giorni del cloud, e anche adesso, che hanno avuto una sorpresa quando è arrivata la fattura. Perché non capiscono bene come funziona il servizio. 

Ora, questo non significa necessariamente che i fornitori di cloud pubblico siano nefasti o malati nel modo in cui lo fanno, ma solo che è stato compito del cliente capire, leggere le clausole, capire come funziona tutto e comportarsi di conseguenza. E così altri fornitori hanno cercato di colmare questo divario. E credo che la fiducia sia il punto di arrivo, giusto? Dicono: "Ascolta, ti terremo per mano, ti spiegheremo e saremo chiari e trasparenti su come funziona". E cosa succede se sappiamo come questo può influire sul prezzo da pagare, e c'è un livello di fiducia. Perché anche in uno scenario in cui il fornitore non sta facendo necessariamente qualcosa di sbagliato, non ha costruito alcuna fiducia e i clienti reagiranno di conseguenza.

Mike Maney: Inoltre, quando si parla di prezzi e costi, si entra nella sfida della complessità. E come fornitore, man mano che l'offerta diventa più ampia, sembra più allettante, giusto? È come se avessero l'intero menu della Fabbrica del Cheesecake. E poi ci si rende conto che ho speso un sacco di soldi per questo. Non mi sono reso conto di aver comprato cinque antipasti e due bibite, e di aver comprato anche il dessert. 

E all'improvviso ci si chiede: "Come hanno fatto? Come hanno fatto? Come hanno fatto a risucchiarmi in tutto questo? Non me ne ero nemmeno reso conto. E, peggio ancora, c'è una relazione diretta con la fiducia: "Lo stai facendo? Mi stai vendendo ciò di cui ho bisogno? O quello che puoi vendermi? 

Ho appena visto Amazon annunciare qualcosa ieri, in cui stanno cercando di fare ciò che assomiglia alla fatturazione in abbonamento per il cloud, pagando in anticipo per il cloud. Non so come stiano facendo. Non so come funzionino le finanze. Ma per me significa Sì, beh, ci saranno un sacco di cose che dovrete fare. E non vogliamo che tu veda come viene fatta la salsiccia? È così? È diverso? Giusto, fidatevi della stessa cosa per una grande azienda? Oppure, sai, rispetto a una PMI, a una piccola impresa?

Phil Shih: Voglio dire, credo che i fondamenti siano simili. Ma ovviamente, nella maggior parte delle situazioni, si opera a un livello di scala e complessità più elevato. Ma credo che la questione fondamentale sia quella di chiedere all'utente finale, che si tratti di una grande o di una piccola impresa, di utilizzare questo servizio e i risultati, o di affidarsi a noi per farsi guidare, o di rivolgersi a quel fornitore di servizi per ottenere aiuto. 

Sì, insomma, credo che i fondamenti siano simili, solo che a un certo livello, ovviamente quando si tratta di una grande organizzazione, l'impatto può essere molto maggiore. Quindi, se le cose vanno male, c'è un impatto, non so, in termini di dollari, che può essere di centinaia di migliaia o milioni di dollari. Quindi, in questo senso, la fiducia... Sì, assolutamente. È fondamentale, ma questo non vuol dire che per le piccole imprese non debba essere un milione di dollari, anche un importo minore ha, ovviamente, un impatto simile. 

Quindi, sì, credo che questo sia un gioco da ragazzi. Perché sia una piccola impresa che una Fortune 500 possono utilizzare lo stesso servizio di cloud pubblico, giusto? Sì. Quindi sì, c'è il pappagallo, c'è la parodia. Quindi sì, c'è il pappagallo, c'è la parodia della maggior parte del livello base? Già. Tutta la tecnologia, tutti i prodotti, i servizi e le funzionalità sono a disposizione di tutti, si tratta solo di capire se si hanno le risorse per comprenderli e utilizzarli e in che misura ci si affida al fornitore di servizi.

Mike Maney: E poi quanto è troppo e quanto è appena sufficiente. Lo si vede senza fare paralleli con l'avvento del web. Ma si tratta di capire quanto interagisco, di quanta interazione ho bisogno e quanto avanzato deve essere il mio sito rispetto a quello che ho avuto dalle Pagine Gialle e per chiunque abbia una certa età. Le pagine gialle erano un libro, l'internet originale. Mio padre aveva uno studio fotografico. E quando internet stava nascendo, era una di quelle cose.

E io: "Papà, devi andare su questo sito. Devi diventare un sito web e tutto il resto. E poi, come fa un padre, mi ha mostrato le statistiche che stava monitorando. E mi ha detto: "No, tutti i miei affari arrivano ancora attraverso questo grande libro giallo che abbiamo". E io: "No, allora ti servono solo le basi". Ed è proprio questo il punto in cui credo si trovino le persone con il cloud. 

Quando abbiamo parlato dei requisiti per il cloud o dei requisiti di fiducia per un'azienda o una PMI, giusto. Le aziende hanno bisogno di andare oltre le Pagine Gialle geografiche, hanno bisogno di una portata globale. Mentre una PMI potrebbe avere bisogno solo di essere all'interno di una certa area geografica, ed essere in grado di colpire, a meno che non abbia grandi progetti di crescita, per continuare a crescere e diventare sempre più grande. Ma sì, è stato un processo di apprendimento. 

L'unica cosa che entra nel concetto di fiducia è la questione delle bandiere rosse che arrivano, giusto? Quindi ci pensi bene? Quali sono gli elementi della fiducia? Giusto? Cosa mi farebbe perdere la fiducia in un fornitore o mettere in dubbio la mia fiducia in un fornitore? La prima cosa che mi viene sempre in mente, credo, per molte persone, e l'abbiamo visto ieri quando Amazon ha acquisito una tecnologia di podcasting, un podcast, un'app di podcasting, mi faranno fallire, giusto? O il mio fornitore? Un fornitore di cloud? O hanno progettato di diventare qualcosa di più grande? Che farà concorrenza a me? Ci sono altre potenziali bandiere rosse che vedreste? O che voi vedete? Vedete quando parlate con le persone?

Phil Shih: Sì, voglio dire, per quanto riguarda il concetto di fiducia, credo che le aree a cui penso e che sento dai clienti, dagli utenti finali dei servizi cloud, siano sempre quelle della trasparenza e della responsabilità. Giusto? Se si utilizza un servizio che non è trasparente nel modo in cui viene servito, nei termini e nel contratto di servizio, nel modo in cui vengono fissati i prezzi e i costi dei servizi e in quello che si ottiene quando si decide di acquistare un determinato prodotto o servizio, si incorre in problemi. 

E quando le cose vanno male, credo che i clienti si stiano orientando verso la trasparenza e la responsabilità. Credo che i clienti siano abbastanza comprensivi e indulgenti quando le cose vanno male. Ma i fornitori di servizi che hanno successo sono trasparenti, si fanno coraggio e sono responsabili. 

E naturalmente cercheranno di correggere il cliente in ogni modo possibile, e questo, ancora una volta, si traduce in buona volontà e in livelli di fiducia che a volte sono difficili da quantificare. Quindi, sì, credo che queste siano le cose più importanti, credo che i fornitori che si comportano bene con i clienti, forniscano loro un quadro chiaro di ciò che il servizio fornirà e di come lavoreranno insieme. 

E poi rispondere e rendere conto quando le cose vanno bene o male. E credo che la correttezza, l'onestà e l'integrità siano legate al concetto di fiducia. E credo che, ancora una volta, sia molto più importante al giorno d'oggi, dato che Internet continua a crescere e a far parte della vita quotidiana, personale e lavorativa di tutti. È di fondamentale importanza. Non si tratta solo di mettere in piedi qualcosa e dimenticarsene, ma di occuparsene. Questo è un servizio. Per molti versi, si tratta anche di una relazione, magari non quotidiana, ma sempre più frequente. Quindi sì, ci deve essere fiducia, ed è una cosa che ha molte sfaccettature.

Mike Maney: Il sostegno è un altro aspetto. So che, in base alla mia esperienza personale di ieri sera, il supporto è anche una questione di fiducia, dato che ieri sera ho potenzialmente rovinato i miei genitori, quindi non so quanto si fidino ancora del loro figlio maggiore. Ma cercherò di recuperare questo aspetto dopo questa telefonata, ma si tratta di uno scenario di assistenza IT in cui i diversi fornitori possono differenziarsi in base a questioni di scala e sfide di scala per molte aziende, in particolare per le piccole e medie imprese che potrebbero non avere il volume o la spesa necessari per ottenere i costi e l'assistenza di cui hanno bisogno. 

Da parte di alcuni dei provider più grandi, lo so, è dove alcuni dei provider alternativi fanno molto bene, perché il supporto cloud non è economico per molte aziende, giusto? Google, credo che l'assistenza di Google costi un minimo di 1212, cinque al mese, 12.500 dollari al mese, a seconda del numero di istanze o di utenti, ho visto dei rapporti in merito. Amazon addebita agli utenti anche una percentuale del costo totale del cloud o dell'assistenza, che anche per le aziende più piccole potrebbe aggirarsi intorno ai 1000 dollari al mese. E poi l'alternativa a tutto questo è: "Ehi, sei da solo, vai a cercare tra i documenti e cerca di capirlo da solo". 

E poi ci si imbatte nel gap di competenze, che è un problema enorme e incombente per noi, che pensavamo che il COBOL fosse un male. In che modo ci si può inserire in alcune delle lacune di competenze del cloud? Come vede il supporto in questo contesto, in questo concetto di fiducia?

Phil Shih: No, voglio dire, è parte integrante, ed è una parte importante, solo perché le persone penso che tu abbia fatto un'ottima figura, ci sono alcuni servizi per i quali la struttura dei costi è diversa, e devi decidere in anticipo di cosa si tratta, come consumare il supporto, quanto vuoi pagare, qual è la frequenza, ecc. 

E queste sono probabilmente cose che le organizzazioni più piccole, lo spazio più ampio delle PMI, non sono attrezzate e non dedicano molto tempo a pensare, vogliono qualcuno che sia, che sia lì, che voglia bene, e non tanto, cioè vogliono solo un quadro diverso per la gestione dell'assistenza di cui avete parlato, come la lettura di un sacco di self-service, la possibilità di parlare con i bot, la lettura di guide di riferimento, che va bene per certe persone, per un certo livello di abilità nel cloud o per una certa fascia d'età, diciamo, ma quando si guarda allo spazio SMB, molte persone non si sentono a proprio agio con questo. 

Quindi, se non c'è un tipo di servizio disponibile, che si adatti a ciò che sono abituati a fare con altri fornitori nella loro vita, amano parlare al telefono, non amano parlare con un bot, se devono mandare un messaggio, vogliono mandare un messaggio a un essere umano dall'altra parte con la possibilità di chiamare o magari di zoomare con loro. Molti utenti delle PMI non si sentono necessariamente a proprio agio nel leggere le guide per l'utente, o non hanno la pazienza di farlo, o forse non ne hanno nemmeno il tempo, perché sono contemporaneamente il proprietario dell'azienda e il tecnico informatico. 

E quindi, se è così, la modalità di assistenza, il livello di assistenza, il modo in cui interagiscono, è qualcosa che selezionano, e questo fa parte di questa conversazione, fare una scelta o selezionare tra i fornitori, che spesso è selezionare una diversa, alla fine della giornata, selezionare una diversa esperienza utente con l'esperienza di assistenza clienti. E quindi, se è positiva per il cliente. Sì, assolutamente. Credo che rafforzi la fiducia. E se è negativa, sì, probabilmente non è una buona soluzione e di certo non contribuisce ad aumentare la fiducia tra il fornitore di servizi e l'utente finale.

Mike Maney: Sì, questa è stata una delle cose che mi ha scioccato, stavo per dire "sorpresa", ma ho optato per lo "shock". Quando ho iniziato a lavorare qui a Linode, c'era l'idea che un fornitore di infrastrutture cloud in questo mercato offrisse ancora un'assistenza gratuita al 100% umana, senza lacrime. E pensavo: "Non è possibile". Non è possibile, poi entro nell'edificio e la prima cosa che vedo è il team di supporto. 

Ed è così diverso da quello che ci aspettiamo nel mondo della tecnologia che qualcuno abbia un problema, sia che si tratti di un singolo sviluppatore o di un'azienda più grande, che possa alzare il telefono e che venga trattato esattamente allo stesso modo, perché come ho detto ieri, in un thread su Twitter, un cliente è un cliente, non importa quale sia la dimensione, che penso sia quella che era una citazione di Winnie the Pooh, penso sia solo diverso, giusto? È, è proprio in contrasto con tutto ciò che ci è stato insegnato ad aspettarci dalla tecnologia. 

Quindi, una domanda un po' più complicata: come società, come esseri umani, sappiamo che gli utenti sono sempre più interessati, le persone sono sempre più interessate al bene sociale, giusto. E la convinzione, se solo si osserva ciò che accade su Twitter e nel mercato in generale, è che le persone vogliano lavorare con fornitori che abbiano buoni valori. 

Ma quando si guarda ad alcune delle ricerche che stanno uscendo, ci si rende conto che la situazione si è invertita, giusto? Ho visto che il 73% delle persone sceglie un fornitore che soddisfa le proprie esigenze, mentre il 14% sceglie un fornitore che corrisponde ai propri valori. Quindi, mentre affermiamo di voler lavorare con persone e aziende che corrispondono ai nostri valori, la realtà è che la prima cosa che le persone guardano è: "Soddisfa le mie esigenze? E credo che questo abbia senso, no? 

Quindi la domanda è: gli utenti sono inclini a fare la scelta più facile nella scelta di un fornitore optando per quello più popolare, rispetto a quello che si allinea con le loro esigenze? E i valori? Mi chiedo solo se anche voi vedete qualcosa di simile.

Phil Shih: Sì, credo che probabilmente ci troviamo nel primo caso e che ci stiamo muovendo verso il secondo, sempre più lentamente, credo che probabilmente no, perché questa roba nel quadro generale è ancora più recente, questi tipi di server sono in circolazione solo da 2020 anni o giù di lì, questa pandemia ha accelerato il fenomeno, ma è stata di epoca molto recente, possiamo, siamo anche ancora nel bel mezzo di questa pandemia. Quindi, assolutamente. 

Penso che a causa della novità, della scarsa familiarità di molti utenti e di quelli che stanno ancora familiarizzando con le potenzialità di Internet. Sì, voglio dire, questo significherà che credo sia quasi un sottoprodotto naturale di questo tipo di contesto e ambiente, che le persone graviteranno verso la decisione più semplice: ehi, questo soddisfa le mie esigenze, non ho il tempo di pensarci troppo, non ho certamente le conoscenze per andare là fuori e fare ricerche più approfondite e cercare di trovare qualcos'altro, andrò con quello. E mi preoccuperò di queste cose, forse un po' più tardi, quando mi sentirò più a mio agio, quando la mia attività si espanderà online, nel modo in cui voglio, e tutto funzionerà bene. E così. 

Inoltre, nella scelta dei fornitori di cloud, molte persone si sono affidate al consiglio di chi, a quanto pare, è il tecnico di casa. Quindi tutti si rivolgeranno a te. Che sia l'idea migliore o meno, non è la migliore. Non ho detto che l'hai fatto. Ma in altri ambienti, sì, chiamerai tuo cugino, sai, il ragazzo della tua squadra che ha seguito un corso di informatica. Voglio dire, potrebbe essere una cosa casuale. E se qualcuno dice, un'azienda, un amico che gestisce un'azienda che dice: "Ehi, ho avuto un'ottima esperienza con Linode". Sì, questo è un modo per spingere quella persona a dare un'occhiata più approfondita a quel servizio, piuttosto che dire: "Oh, ehi, sai, il mio amico ha detto che Linode è un buon servizio. E mi fido del fatto che il mio amico prenda buone decisioni se le aziende hanno successo. Il suo sito web non è esploso questa settimana, vado a dare un'occhiata, piuttosto che andare su Google e non sapere nemmeno cosa devo digitare. Quindi, cloud Hosting, cloud computing, cloud infrastructure, voglio dire, lavorando nel settore, abbiamo cambiato i nomi dei prodotti e dei servizi molto spesso. 

E non ci si può aspettare che l'utente finale tipico delle PMI sia al passo con tutto questo. Quindi, sì, credo che i valori siano sempre importanti. Ma credo che probabilmente ci stiamo muovendo in questa direzione, soprattutto quando si parla di persone o quando si pensa a persone che sono nuove a questo mezzo o più recenti. Probabilmente offriranno la decisione più facile, che sia buona o cattiva. Credo che questa sia la realtà sul campo.

Mike Maney: E l'altra realtà è che siamo arrivati a un punto dell'infrastruttura in cui gli utenti, le aziende, hanno effettivamente la possibilità di scegliere, cosa che per un po' avrebbero voluto non avere, e alcuni dei fornitori più piccoli, Linode, DigitalOcean, Hetzner, hanno iniziato a recuperare il ritardo. Esistono diversi livelli di hyperscale? Assolutamente sì, ci sono i tre grandi, i tre grandi, i quattro grandi, in quella fascia molto, molto alta, che non assomiglia affatto a una PMI. 

E poi ci sono altri fornitori come Linode, Hetzner. DO e altri, OVH, che sono ancora parte di questo hype, la spinta ancora parte del club hyperscale, solo che servono una fetta diversa del mercato. E come Matt di AWS ha sempre detto, io sbaglio sempre la parafrasi, ma so che includo la parola "torta", perché lui ama la torta in questo caso, che è solo una torta più grande, giusto e una torta più grande è meglio per tutti. E adoro questa citazione. 

Quindi, dove pensate che si stia dirigendo il mercato dal punto di vista della fiducia? Diventerà sempre più un fattore decisivo nella scelta del cloud? E con un maggior numero di scelte, sarà più facile optare per un cloud che sia in linea con i valori e i costumi sociali di qualcuno?

Phil Shih: Sì, credo che la sua importanza sia destinata a crescere. Penso che, come dice il proverbio, ci vuole tempo per costruire la fiducia, giusto. Quindi, se state già utilizzando un servizio cloud e non riuscite a instaurare un rapporto di fiducia, potreste decidere di spostarvi o di provare o almeno di esplorare un altro servizio, se siete un po' più giovani e siete in Internet, è un fattore che prenderete in considerazione. 

Ma, ancora una volta, ci vorrà del tempo per costruire questa fiducia come nota finale. Il tempo per costruire la fiducia può essere visto anche dal punto di vista del settore. Come hai detto tu, giusto? I servizi ora sono più vecchi, il settore è più vecchio, ci sono aziende che hanno alzato il profilo, la marea crescente solleva tutte le barche, vedi, le pubblicità, la pubblicità tradizionale, ora la pubblicità per i servizi di cloud computing, ci sono più aziende pubbliche, come DigitalOcean. E così il profilo, la legittimità, il credito di strada, per così dire, del settore si è solo costruito è accelerato, e, ancora una volta, penso che sia un punto di vista comune che questa pandemia non ha fatto altro che accelerare questo. 

Quindi, sì, credo che l'importanza sia destinata a crescere e, man mano che le aziende diventano sempre più dipendenti da Internet, man mano che la complessità di ciò che si fa online si espande, la fiducia è naturalmente legata a tutto questo nei molti modi sfaccettati di cui abbiamo parlato. Quindi, sì, credo che i fornitori che avranno successo saranno quelli che lo capiranno e che sapranno articolare e fornire ai clienti questo aspetto nei loro modi unici. 

E con il tempo si rafforzerà, perché si tratta di un processo piuttosto che di una transazione. È qualcosa che si sviluppa, si migliora e si deve ripetere, perché un'altra cosa importante da sottolineare è che si può costruire la fiducia, ma si può anche perderla se non si lavora e se non ci si attiene alle regole e si fornisce il tipo di servizio richiesto dai clienti e si fa la cosa giusta per loro, ogni giorno, ogni ora.

Mike Maney: Molto ben detto, molto, molto ben detto. Volevo ringraziarti, Phil, per esserti unito a noi in questa telefonata. E per aver fatto un'ottima conversazione su questo argomento. Penso che sia un argomento importante e che, come hai detto tu, non potrà che crescere di importanza man mano che il settore andrà avanti. Quindi grazie mille e non vedo l'ora di parlare di nuovo con voi. Grazie per avermi invitato. È stato un piacere.


Commenti

Lascia una risposta

Il vostro indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *