Vai al contenuto principale
BlogMulticloudRisolvere l'equazione del multicloud

Risolvere l'equazione del multicloud

Blog Unclouded | Linode

I vantaggi del multicloud, dalla maggiore flessibilità alla riduzione del lock-in, sono ormai noti. Ma con le crescenti preoccupazioni per la complessità e i costi, l'adozione di un approccio multicloud non è sempre così ovvia come sembra, soprattutto per le PMI.

Se i fornitori non offrono un'interoperabilità che consenta ai dati di fluire liberamente tra i cloud, la promessa di flessibilità si interrompe. Inoltre, i costi possono aumentare se le aziende pagano inavvertitamente per offerte ridondanti, creando un ostacolo per le PMI attente al budget. Questi rischi aggiuntivi non fanno che complicare una scelta già difficile per gli utenti del cloud che si trovano ad affrontare un mercato affollato e competitivo. 

Secondo Phil Shih, analista di Structure Research, è giunto il momento di inaugurare una nuova era del cloud. 

Nell'"era del best fit", gli utenti devono considerare non solo come i diversi provider possono soddisfare le loro esigenze, ma anche come ottimizzare la loro infrastruttura cloud complessiva. Ascoltate la mia conversazione completa con lui, che vi spiega perché l'efficacia del multicloud non consiste solo nel lavorare con più fornitori, ma anche nel creare valore attraverso e tra di essi.

La seguente trascrizione è stata leggermente modificata.

Mike Maney: Non c'è dubbio. La distribuzione multicloud è la nuova realtà dell'IT aziendale. Secondo IDC, oltre il 93% delle aziende utilizza più infrastrutture cloud per le proprie operazioni aziendali. Di conseguenza, i fornitori stanno rispondendo alla domanda. Persino i fornitori di Microsoft e Google, storicamente ostinati sostenitori del cloud singolo, hanno apportato modifiche alla piattaforma per rendere i loro ambienti più adatti al multi-cloud. 

Tuttavia, anche se il multicloud può sembrare una scelta obbligata, fattori come i costi crescenti e la complessità rendono difficile un'esecuzione efficace, oggi ci sediamo di nuovo con Phil Shih, analista di Structure Research, per discutere non solo dei vantaggi offerti dal multicloud, ma anche di come affrontare la complessità e gestire il conto. 

Benvenuto di nuovo, Phil. Sono lieto di riaverti con noi. 

Phil Shih: Ehi, Mike, grazie per avermi invitato. È un piacere essere qui. 

Mike Maney: Oggi voglio parlare un po' di multicloud. Penso che sia un argomento molto attuale e che ci divertiremo un po'. Il multicloud ha registrato un'enorme crescita negli ultimi anni, soprattutto nel 2020 e nel 2021, per molteplici e ovvie ragioni, dalle startup al governo degli Stati Uniti, tutti sembrano essere impegnati nel multicloud. 

Il Pentagono ha annullato il contratto Jedi da 10 miliardi di dollari al centro di un'importante battaglia legale che coinvolge alcuni dei maggiori operatori. Al suo posto il DoD lancerà una nuova iniziativa di multicloud computing. IDC ha dichiarato che il 62% delle aziende sceglie il multicloud per sfruttare le migliori capacità dei singoli fornitori. E Flexera, che ogni anno redige un ottimo rapporto, ha rilevato che il 68% dei CIO è preoccupato di dover utilizzare strumenti di un unico fornitore e di non avere la libertà di spostare i propri dati in base alle esigenze. Iniziamo col porre le basi del fascino del multicloud. Perché è una buona strategia per un'azienda oggi?

Phil Shih: Sì, questi sono ottimi punti che hai sollevato. E credo che le ricerche in corso puntino tutte in una direzione simile. E che ci stiamo spostando da un punto in cui non molto tempo fa, dove il multicloud non era probabilmente qualcosa su cui si scommetteva su una singola piattaforma, a un punto in cui lo si fa ora, mantenendo la scommessa su una singola piattaforma, comprendendo, credo, la proposta di valore e prendendo confidenza con il cloud e poi espandendo e massimizzando la sua utilità attraverso l'uso del multicloud. 

Quindi, a un livello elevato, credo che il valore per me, come osservatore terzo, sia che a un livello di base, è un buon modo per coprire le proprie scommesse, giusto? Questi servizi, i servizi di infrastruttura cloud, funzionano molto bene. Ma sono gestiti da esseri umani. Sono progettati dall'uomo e sono imperfetti. Quindi, non puntare tutto su un solo paniere, come si suol dire, è certamente una cosa intelligente. A un altro livello, e credo che probabilmente quello a cui i responsabili delle decisioni IT pensano di più in questi giorni, sono i set di strumenti, giusto? 

Siamo andati molto rapidamente oltre il semplice pensiero dell'infrastruttura di calcolo e di archiviazione, per passare ai set di strumenti e a ciò che si può fare all'interno dell'infrastruttura di calcolo e di archiviazione basata sul cloud, agli strumenti che si sentono in giro con le parole d'ordine dell'intelligenza artificiale e dell'apprendimento automatico. E la quantità di funzionalità è davvero ampia. E sono molto diverse per ogni singolo fornitore di infrastrutture cloud. Credo che questa sia la base. 

Un altro livello che forse a volte viene trascurato e forse non viene menzionato è che i servizi di infrastruttura cloud tendono ad avere diverse impronte geografiche, giusto? Quindi, se vi preoccupate delle vostre prestazioni, se vi preoccupate di dove si trovano i vostri dati e, cosa più importante, di dove si trovano i vostri clienti e gli utenti, di cosa si preoccupano e di cosa pensano, potete definire. Anche in questo caso, le impronte di ciascun cloud sono diverse. Questo è un altro strumento di scelta, oltre a dove si trova il server vero e proprio, e poi dove si trova il data center, in quale giurisdizione si trova e quanto è lontano dalla maggior parte dei vostri utenti finali. Non volete che accedano a contenuti e carichi di lavoro su distanze molto elevate. Questo avrà un impatto sulle prestazioni e, naturalmente, creerà più lavoro per gli sviluppatori e gli amministratori di sistema. 

Mike Maney: Sì, so che questo è uno dei criteri che distingue davvero un fornitore hyperscale, sia che si tratti di uno dei tre grandi che di uno dei fornitori alternativi, è la presenza di un'impronta geografica significativa. Vorrei tornare al punto di partenza. Quando è meglio un fornitore best of breed rispetto a un fornitore duale? La scelta migliore? E c'è mai un argomento contro la scelta di un fornitore best of breed?

Phil Shih: Penso che dipenda sempre, giusto? Penso che quando si pensa a come utilizzare i servizi cloud, dipende dalle capacità dell'organizzazione e da ciò che si sta cercando di realizzare. Quindi, se si tratta, ad esempio, di un'agenzia di design, i requisiti sono diversi da quelli di un sito web di notizie o di contenuti ad alto volume. Quindi, credo che l'utente finale si orienterà verso ciò che lei descrive come best of breed o qualcosa che sia più "fai da te" o più "fai per te", o una combinazione di entrambi.

L'organizzazione dispone di uno staff, di uno staff o di un personale in grado di gestire un'esperienza utente più tecnica, lavorando direttamente con un utente e leggendo i documenti. API leggere i documenti dell'utente e non ha problemi? Oppure si tratta di un'organizzazione che preferisce un'interfaccia più intuitiva basata su un'interfaccia grafica o che desidera una sorta di supporto, aiuto o assistenza o guida da parte del fornitore? 

Come vogliono consumarlo su richiesta? Vogliono consumarlo più che altro come un servizio completo end-to-end? Come potete vedere, sto quasi iniziando a divagare, ma gli scenari e le permutazioni dell'esperienza di servizio e il modo in cui il team, il team nel suo complesso e i singoli membri del team interagiscono possono variare, quindi per rispondere direttamente alla domanda, penso che sia solo, non voglio che sia una scusa. Ma dipende davvero dal reparto IT e dalle sue tendenze, oltre che da ciò che sta cercando di realizzare. E che tipo di contenuto o carico di lavoro viene ospitato su questa infrastruttura?

Mike Maney: Devo ammettere che mi hai convinto API. Sì, una delle cose di cui hai parlato, però, è il set di competenze, giusto? Si tratta delle competenze del reparto, perché sappiamo che è una grande sfida per tutti nel settore, dato che alcuni hyperscaler assorbono tutti i talenti. 

Quindi, in un mondo multicloud, le startup o le piccole imprese con budget limitati possono trarre dal multi-cloud gli stessi vantaggi di alcune grandi aziende? E come possono assicurarsi che l'appetito per un fornitore best of breed non superi i limiti del loro budget? 

Phil Shih: Sì, è certamente una sfida. E ci sarà sempre una sorta di divario o un abisso tra meno risorse e più risorse per i dipartimenti IT, che possono pagare molti enti per la formazione e hanno la pazienza di aspettare che la formazione e la certificazione arrivino, mentre le organizzazioni più piccole sono un po' più in difficoltà e forse non possono fare questo tipo di investimenti, o forse non hanno l'orizzonte temporale per aspettarli. 

E questo definirà il modo in cui pensano al multi-cloud rispetto a una grande organizzazione che potrebbe acquisire un'altra azienda che si dà il caso sia un negozio Microsoft, l'azienda che acquisisce, magari ha già un team che lavora con AWS da molti anni, che ha iniziato come shadow IT, ma è diventato più formalizzato. E strutturato. 

Mentre le piccole e medie imprese probabilmente non possono permettersi questo lusso. Per questo motivo, magari scelgono una piattaforma di cloud pubblico per certe cose, oppure si rivolgono allo spazio alternativo e guardano ad altri cloud orientati ai service provider, che hanno un tipo diverso di esperienza, semplicemente perché non possono fare gli investimenti e cercano qualcosa che sia un po' più, semplicemente più adatto, e che sia qualcosa su cui possono salire, non devono aspettare a lungo e possono ottenere l'aiuto di cui hanno bisogno. 

E poi, col tempo, man mano che crescono, fanno le cose che ho descritto e che fanno le organizzazioni più grandi, cioè assumere, formare, avere pazienza, investire. Quindi non riuscirete a colmare questo divario. Ma credo che tutto ciò definisca e sottolinei l'intero concetto dell'idea di multicloud per dire: "Ehi, questa non è una cosa uniforme. Non si tratta di una taglia unica e un'organizzazione consumerà a modo suo, seguendo schemi diversi".

Mike Maney: Questa frase, "better fit", è qualcosa che so di sentire sempre più spesso nel mercato, e noi lo sentiamo sempre più spesso con i clienti e i partner, immagino anche con altri fornitori, perché non è una taglia unica per tutti, e molte delle tecnologie di base e delle funzionalità e dei prodotti di base di cui la maggior parte delle aziende avrebbe bisogno, giusto, e non stiamo parlando di imprese su larga scala che hanno requisiti unici. Ma questi elementi comuni sono fondamentalmente commoditizzati. 

A questo punto, su tutta la linea, c'è parità tra Linode e Digitalocean, o AWS. E, dato che stiamo parlando di infrastrutture, per la maggior parte non stiamo parlando di quantum computing. Parlando con i miei contatti di ClearPath Strategies, che si occupano di sondaggi, hanno appena condotto uno studio globale su circa 800 sviluppatori in tutto il mondo e una delle cose che abbiamo riscontrato, tornando all'approccio "best fit", è che le aziende sono ora in grado, grazie alla parità, di avere una scelta di fornitori e di iniziare a scegliere in base a fornitori che si allineano un po' di più ai loro valori. 

Ora, il primo e più importante risultato di questo studio è che le persone vogliono, il primo criterio che le persone hanno è: posso far funzionare le mie cose? È attivo? È funzionante? Funziona? E ancora, è in grado di svolgere il proprio lavoro? Giusto? Prima di tutto. Ma poi, quando ci si addentra un po' di più, ci si rende conto che non sono necessariamente legati a questa piattaforma. Se c'è un'incrinatura nel servizio clienti, o se c'è un calo delle prestazioni, o se si allineano con qualcosa che non si adatta alla mia azienda o ai miei valori personali. 

Ho altri posti in cui posso andare e mi sposterò a destra, prenderò in considerazione l'idea di trasferirmi. E questo è qualcosa di diverso. Giusto? È una cosa nuova per questo settore. Perché, proprio come un tempo, non si veniva mai licenziati per aver comprato IBM. Ora ci sono scelte a livello di hyperscale, e questo è positivo. È un bene per questo settore.

Phil Shih: Non posso che essere d'accordo. Penso che, fondamentalmente, l'asticella sia stata alzata ed è successo in un arco di tempo piuttosto breve. Se si pensa alla storia dell'informatica, i server pronti per l'infrastruttura cloud esistono da appena un decennio e mezzo. E la barra si è alzata fino a raggiungere la parità, in termini di calcolo e storage grezzo e di base. E poi chiamiamoli il livello base di funzioni che sono abbastanza comparabili, tra i vari cloud. E questo crea una situazione in cui, ok, so che posso ottenere questo livello, la fascia di prezzo, sì, i prezzi possono variare, ma non così tanto come cinque o dieci anni fa. Capisco meglio i prezzi, sono abbastanza comparabili. 

Ora sto pensando ad altre cose che devo realizzare. E se non le ottengo qui, posso probabilmente passare a un altro servizio e ottenere comunque il tipo di base di cui ho bisogno. E magari risolvere il problema delle prestazioni, come hai detto tu, oppure ho bisogno di un certo tipo di location. Forse ho bisogno di un server aggiuntivo, di un servizio che non ho qui, ho avuto qualche problema e non ho ricevuto l'aiuto di cui avevo bisogno? Beh, cercherò di risolvere questo problema. Quindi vi lascio con il commento che storicamente è sempre stato un po' più impegnativo e difficile da spostare. 

Di recente abbiamo trasferito le piattaforme di posta elettronica e posso dire che non è stato esattamente qualcosa di cui non vedevo l'ora di occuparmi ogni giorno. Ma sì, immaginate di spostare la vostra infrastruttura. Voglio dire, è lo stesso tipo di grattacapo, ma allo stesso tempo le piattaforme, la tecnologia, gli strumenti continuano a evolversi, a migliorare e la facilità di farlo continua a progredire. Quindi credo di essere d'accordo con le sue osservazioni. Sono d'accordo. Ed è in questa direzione che ci stiamo muovendo.

Mike Maney: Penso che sarei molto più propenso e a mio agio a spostare l'infrastruttura rispetto alla posta elettronica. La perdita di un solo messaggio può far impazzire. Lei parla di complessità. E credo che sia una preoccupazione crescente, soprattutto in un mondo multi-cloud, giusto? Anche se si sta muovendo in questo modo, le cose possono ancora essere complesse. Ci sono stati studi in cui il 93% degli utenti del cloud ha dichiarato di aver adottato una strategia multicloud e l'80% delle organizzazioni ha dichiarato che la complessità è un aspetto negativo. 

Deloitte sostiene che quasi la metà degli utenti del cloud, credo il 47%, afferma che il caos del cloud è il rischio maggiore per i loro profitti. Ho parlato con John Hill, il nostro VP Revenue Ops, e mi ha detto che se gli anni 2010 sono stati all'insegna della migrazione verso il cloud, il decennio 2020 e oltre sarà dedicato alla realizzazione di uno stack altamente portatile. 

E penso che, come persona cresciuta con gli standard più che con l'open source, l'altro giorno ho avuto una conversazione con Rob Hirschfeld, sul fatto che non si tratta di open source, ma di standard. È questo che fa funzionare tutto questo? E mi ha fatto pensare: il multicloud è intrinsecamente complesso? O cosa significa complessità in questo contesto?

Phil Shih: Esistono diversi livelli e silos di complessità. A un certo livello, si tratta di capire quanto è facile usare il servizio. Quanto sono difficili gli strumenti, quanto è facile capire quanto velocemente posso far funzionare la mia infrastruttura e il mio carico di lavoro? E poi come posso migliorarlo, gestirlo e ottimizzarlo. E credo che questo sia un elemento fondamentale della complessità che può essere risolto attraverso le interfacce, la facilità d'uso, la qualità e il design della tecnologia.

E poi c'è l'elemento umano: le organizzazioni, che si trovano sempre più spesso di fronte alla complessità, guardano alla loro organizzazione e dicono: "Ehi, è qualcosa che il nostro team è in grado di gestire? Scegliamo i cloud sulla base di un servizio un po' meno complesso e più facile da usare? Oppure ci avvaliamo dell'aiuto di un'organizzazione di servizi gestiti o di servizi professionali, come si vede anche sul mercato? 

Penso che l'altro aspetto della questione della complessità, come hai accennato tu, Mike, sia l'interoperabilità. Questi cloud sono stati costruiti all'interno dei propri silos. Ci sono stati commenti discutibili sul blocco dei fornitori e sul fatto di essere bloccati su una piattaforma e di avere tutti i propri dati lì, per poi essere estremamente difficili da spostare e costosi. 

Non per entrare nel merito, ma siamo solo agli inizi dell'interoperabilità tra queste piattaforme. Se avete visto quello che hanno fatto Azure, Microsoft Azure e Oracle Cloud infrastructure, OCI, ovvero creare un certo livello di interoperabilità in alcune località del mondo, non potete non pensare a questo. Ma si tratta di qualcosa che ha appena iniziato a svilupparsi, che richiederà certamente un certo perfezionamento e l'adozione di un certo tempo. 

Ma questo riflette la situazione in cui ci troviamo in termini di standard del settore, interoperabilità, capacità di collegare diverse piattaforme cloud. Non ci siamo ancora arrivati. E credo che ci vorrà del tempo. Quindi, per ora, si tratta soprattutto di competenze delle organizzazioni, di allinearle alle diverse piattaforme o ai diversi tipi di piattaforme cloud e di operare in modo un po' più semplice, separatamente, piuttosto che in modo più integrato. Ma questo si svilupperà e credo che sarà probabilmente uno dei grandi temi del prossimo decennio, che abbiamo appena iniziato.

Mike Maney Sì, è stato un argomento caldo questa settimana. C'è un grosso articolo del Wall Street Journal che ha fatto il giro del mondo, parlando di come non ci siano solo le tre grandi, tornando alla nostra altra conversazione, come la gente stia dicendo: "Beh, non devo limitarmi a Amazon". 

Si stanno quindi formando delle crepe. Uno dei temi principali di quell'articolo era la questione del blocco dell'ecosistema e un dirigente aveva citato il fatto che ogni singolo fornitore vuole bloccarvi nel suo ecosistema. E io ho dovuto rispondere: "No, questo è falso al 100%, palesemente falso. Non tutti i provider vogliono farlo". E ho dovuto sottolineare Linode, perché questo non è il nostro modello di business. 

Vogliamo che le persone possano entrare e uscire. E non credo che sia lo stesso per altri grandi fornitori, giusto? È l'analogia con il motel degli scarafaggi: vogliamo farvi entrare qui, farvi appassionare ai nostri prodotti e farvi rimanere in quell'ecosistema, probabilmente una buona strategia commerciale, ma forse non altrettanto buona per molti clienti. Il lock-in che tutti, molti, neanche un anno fa, dicevano: nessun lock-in, niente di niente, multicloud, niente di niente. Poi, all'improvviso, ne siamo usciti e abbiamo iniziato a vedere tutti dire che il multicloud è una cosa, il lock-in è una cosa. E sì, è vero. 

Phil Shih: Sì, e vedrete che queste grandi piattaforme saranno sempre più tirate. Microsoft e Oracle sono un buon esempio di una mossa più aggressiva. Ma anche AWS, che ha avuto un discreto successo, ha deciso di rendere più semplice l'esecuzione di VMware sul proprio cloud. Credo che questo sia un riconoscimento del fatto che "Ehi, ragazzi, stiamo usando set di strumenti e infrastrutture legacy che vanno benissimo e che dobbiamo supportare". Dovranno aprirsi o adattarsi a questa gamma più ampia, se possibile. 

Mike Maney: La rissa sarà a Reinvent, quando vedremo quanti presentatori saranno autorizzati a includere la parola multicloud nelle loro slide. Questo dovrebbe essere il parametro. 

Quindi la comprensione e il contenimento dei costi del cloud è un'altra parte della strategia multicloud. L'ottimizzazione dei costi è uno dei motivi per cui molti dicono di voler sfruttare il multicloud. Andreessen Horowitz ha scatenato un acceso dibattito online quando ha affermato che la maggior parte delle aziende sta spendendo troppo per il cloud. C'è quindi una crescente preoccupazione che la crescita dell'adozione del multicloud vada di pari passo con l'aumento dei costi del cloud. Si tratta di un'idea sbagliata? O c'è del vero in questo timore?

Phil Shih: Forse è un po' entrambe le cose. Ma la mia opinione è che non deve essere per forza così. Ma c'è un processo. Probabilmente ritengo che sia vero che, quando si adotta questo modello, ci sarà una curva di apprendimento. Il punto è che, quando le organizzazioni provano a farlo, proprio a causa della curva di apprendimento, della familiarità, dell'adozione nelle prime fasi, è probabile che si incontrino alcuni ostacoli e sfide e che si verifichino dei sovraccarichi di costi. Ma non è detto che sia così. 

E credo che con il tempo, sempre di più, e la pratica rende perfetti, giusto. Ma anche la tecnologia che c'è in giro, la tecnologia vendor neutral. E i fornitori di servizi, i fornitori di cloud che incorporano questo nei loro dashboard e nei loro portali di gestione. Chi fa un lavoro migliore in questo senso? Chi rende quest'esperienza davvero facile da capire, chi ha un'etica interna aperta, del tipo: "Ehi, vogliamo che possiate usare i nostri servizi, ma anche che possiate entrare e uscire come ritenete opportuno e come richiesto dalla vostra organizzazione". 

Credo che questa sia un'opportunità davvero interessante. E un altro importante punto di differenziazione che, ancora una volta, non renderà i servizi cloud più simili, ma li renderà più diversi e farà risaltare alcuni di essi. Perché alcuni di essi saranno in grado di affrontare il problema di come ottimizzare e gestire i costi, non solo in una singola piattaforma, ma in tutta l'infrastruttura, che potrebbe essere costituita da altri cloud. Potrebbe trattarsi di infrastrutture on premise o più tradizionali. Ma questi strumenti e chi crea la migliore esperienza utente. Penso che troveremo un'opportunità interessante, come lei ha detto, quando questo problema si insinua nelle organizzazioni che iniziano a passare a due o tre cloud.

Mike Maney: Sì, non si tratta necessariamente del numero di cloud, ma dell'ottimizzazione dei costi e della visibilità di ciò che si sta facendo. E poi la possibilità di avere gli strumenti per gestirlo. In modo da non sprecare denaro o spendere male per un cloud. È necessario spendere una tonnellata di denaro in un AWS per lo storage di oggetti, oppure si potrebbe utilizzare un provider alternativo a un costo molto inferiore con le stesse prestazioni per poterlo archiviare lì. 

E come funziona? Questo è un settore che mi entusiasma molto e credo che continuerà a essere molto importante. 

Phil Shih: Mm hmm. Sono d'accordo. 

Mike Maney: Quindi, per iniziare a collegare un po' il tutto, il futuro del cloud è meno legato a particolari fornitori e più alla creazione di valore tra di essi. È una sorta di Santo Graal per uno sviluppatore e per un cliente: avere a disposizione tutto l'assortimento a portata di mano. I nostri fornitori oggi supportano il multicloud. Si stanno muovendo in questa direzione. E credo che la domanda più importante sia cosa dicono sul multicloud, in linea con il modo in cui praticano e spingono il multicloud.

Phil Shih: È una bella domanda. E non è nemmeno facile. Ma se si pensa ai servizi infrastrutturali, all'intero ecosistema, credo che la conversazione, la narrazione e la direzione del settore si stiano muovendo sempre più in questa direzione, soprattutto se si considerano i fornitori di servizi che non sono nemmeno allineati con una piattaforma infrastrutturale cloud, ma che contribuiscono alla gestione e all'abilitazione. 

Quindi prendiamo, ad esempio, un fornitore di servizi x. Magari avremo un cloud privato e un bare metal interno, e loro potranno supportare Azure e AWS, ma la loro esperienza di gestione, il loro portale deve essere allineato anche con i cloud pubblici. Il loro compito è quindi quello di cercare di mettere insieme un'esperienza che alla fine credo sia il più possibile integrata e forse in futuro interoperabile. 

Penso quindi che guardare ai fornitori di servizi indipendenti, quelli che potrebbero anche non essere allineati con una specifica piattaforma cloud, sia indicativo della direzione che stanno prendendo le cose sul versante del cloud pubblico. Alcune di queste grandi piattaforme hanno fatto dei passi avanti in questa direzione. 

E poi, come Linode, un'organizzazione più agile è in grado di fare passi più grandi, forse di iniziare a prendere il ritmo e correre in quella direzione. Proprio come accade spesso nella tecnologia, vedrete alcune delle organizzazioni più piccole e agili, i fornitori, gli indipendenti non allineati, se così vogliamo chiamarli, iniziare a prendere il ritmo e trascinare i grandi in quella direzione. 

Ma sì, credo che nella fase di sviluppo del cloud fossimo preoccupati che una singola piattaforma potesse travolgerlo. Penso che abbiamo superato questi timori. Ci rendiamo conto che il futuro sarà molto più vario e molto più competitivo, semplicemente.  

Quando si vedranno più casi d'uso reali, i clienti cominceranno a parlare con i loro fornitori e a dire: "Ehi, ho bisogno di fare questo", poi il cliente successivo dirà: "Ho bisogno di fare questo", e quando ci sarà un po' di slancio, vedrete questi colossi spingere in quella direzione un po' più velocemente, e le cose cominceranno ad accelerare. Non so se si tratti di una palla di neve, ma di sicuro si accelererà. E credo che questo sia il corso naturale di queste cose.

Mike Maney: Sì, il tuo commento su un cloud che li domina tutti è perfetto. Stiamo assistendo a diversi studi di settore che dimostrano che, sebbene le tre grandi siano ancora le tre grandi, il terzo e il quarto posto del mercato sono occupati da questa categoria di cloud alternativi. Noi, DO, Hetzner, OVH e un paio di altri. 

Questo livello alternativo hyperscale rappresenta un terzo del mercato. E voglio dire che è una cosa sana. Giusto? C'è un sacco di torta per tutti. È una torta grande. E credo che sia una buona cosa. 

Vorrei farle un'ultima domanda per concludere. Come possono le aziende iniziare a spostare la loro mentalità dal guardare a ciò che i singoli fornitori offrono loro? E iniziare a pensare a come avere il proprio ecosistema cloud nel suo complesso? 

Phil Shih: Penso che sia un'ottima domanda. E vorrei riprendere il termine "best fit". Come si fa a trovare il miglior adattamento? Come si fa, come organizzazione, a ottimizzare ciò che si sta cercando di fare con la propria infrastruttura? Come possiamo essere più efficienti? Come trovare il miglior adattamento in termini di carico di lavoro all'infrastruttura sottostante? 

Che tipo di strumenti dobbiamo utilizzare per trarre il meglio da questi dati, che si tratti di prestazioni o di analisi, di comprensione e di creazione di valore, di comprensione dei dati e di trasformazione di questi ultimi in decisioni d'azione tangibili che si traducono in risultati aziendali positivi. Penso che sia necessario spostare la mentalità in questa direzione, capire non solo cosa fa l'infrastruttura, ma anche cos'altro? 

Quali altri valori possiamo ricavare dall'infrastruttura? Ci sono molti dati che le organizzazioni possono estrapolare e presentare ai responsabili IT in modo che possano prendere decisioni e ottenere risultati aziendali positivi. Penso quindi che sia necessario pensare all'infrastruttura, alle prestazioni e poi passare ai dati e alle informazioni per ottenere un valore aggiuntivo in termini di risultati aziendali. Questo è il cambiamento di mentalità che, a mio avviso, stiamo già attuando. 

Ma le organizzazioni devono pensare in modo più ampio e avere questo come motore e, una volta cambiata la mentalità, vedrete cambiare anche le decisioni degli utenti, il modo in cui le persone acquistano, implementano e gestiscono la loro infrastruttura. Perché se si pensa in questi termini, si prenderanno decisioni diverse sull'utilizzo del multicloud. Francamente, credo che sarà un sottoprodotto abbastanza naturale di questo cambiamento.

Mike Maney: Fantastico, grande intuizione e un'altra piacevole conversazione. Quindi, grazie mille. E non vedo l'ora di parlare di nuovo con te, Phil. 

Phil Shih: Phil Shih: Va bene. Grazie per avermi ospitato. E rifacciamolo.


Commenti

Lascia una risposta

Il vostro indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *